mercoledì 28 dicembre 2011

il BUGIARDINO

Questa da me scritta non deve intendersi come una guida alle più note e conosciute attrazioni del centro storico di Genova su cui autorevoli autori hanno già speso fiumi di inchiostro ma molto più umilmente come un "libellum" nel quale ho raccolto quello che dei vicoli mi incuriosisce maggiormente e che rimane ai più nascosto e sconosciuto. Preferisco infatti pensare al mio sito come il diario di un curioso viaggiatore che si imbatte per caso in misteriose strade, in chiese od oratori che non esistono più e di cui rimangono solo un portale od una iscrizione, o nelle storie fantastiche di fantasmi che si aggirano nel centro storico di Genova.
Ed ora tocca a Voi, che casualmente Vi siete qui imbattuti, iniziare un piccolo viaggio nei vicoli di Genova cliccando sulle varie pagine nelle quali ho suddiviso questo sito. 

A.F.

e-mail: info@isegretideivicolidigenova.com




Segui "I Segreti Dei Vicoli Di Genova" su Facebook


Segui isegretideivicolidigenova su Instagram


***
Se volete aiutarmi nelle mie ricerche e sostenere questo progetto cliccate il pulsante qui sotto

Donazioni a iSEGRETIdeiVICOLIdiGENOVA


***


ULTIMI "SEGRETI" RACCONTATI


- la storia e le immagini della Chiesa dei Santi Vittore e Carlo al paragrafo 5 nella pagina de "le CHIESE di GENOVA";
- la storia e le immagini della Chiesa di San Vincenzo de' Paoli al paragrafo 76 nella pagina de "le CHIESE di GENOVA";
- l'elenco telefonico di Piazza del Ferro al paragrafo 10 nella pagina de "la VITA nei VICOLI nel 1931";
- la storia e le immagini dell'Oratorio delle Anime Purganti al paragrafo 15 nella pagina de "gli ORATORI e le CASACCE";
- la storia e le immagini dell'Oratorio di N.S. del Rosario a S.M. di Castello al paragrafo 16 nella pagina de "gli ORATORI e le CASACCE";
- la storia del Messaggero in San Bernardo al paragrafo 32 nella pagina de "i FANTASMI di GENOVA";
- la storia dello spettro di Paul Valery al paragrafo 19nella pagina de "i FANTASMI di GENOVA";nella pagina de "i FANTASMI di GENOVA";  nella pagina de "i FANTASMI di GENOVA";  
- la storia di Casa Mazzini al paragrafo 89bis nella pagina de "i PALAZZI privati";
- la storia de "Le pietre scalfite dai carri" al paragrafo 45 nella pagina de "le PIETRE parlanti";
- la storia di San Siro e il Basilisco al paragrafo 44 "La pietra del pozzo di San Siro" nella pagina de "le PIETRE parlanti"; 
- la storia del Teatro Paganini al paragrafo 7 nella pagina de "i TEATRI storici".

***

 Ecco il QR Code de iSEGRETIdeiVICOLIdiGENOVA, stampatelo, diffondetelo, fotografatelo.
 ***


NASCITA DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE GIANO

Cari amici,
da tempo pensavo alla creazione di una associazione culturale così da coinvolgere concretamente i tanti di voi che in questi anni erano desiderosi di affiancarmi durante le mie passeggiate alla scoperta dei tesori che Genova custodisce!
Con molto gioia posso finalmente annunciarvi che il 30 gennaio 2015 è nata l'ASSOCIAZIONE CULTURALE GIANO.



Vi invito a visitare il sito www.associazioneculturalegiano.com, a mettere il vostro MI PIACE nella pagina Facebook "Associazione Culturale Giano" e a scrivere una mail a eventi.giano@gmail.com per saperne di più e per essere inseriti nella mailing list dell'associazione così da essere sempre informati sui futuri appuntamenti.
D'ora in poi quindi, a fianco de iSEGRETIdeiVICOLIdiGENOVA che continuerò a scrivere e che rimarranno il diario personale del mio viaggio alla scoperta dei tesori della Superba, ci sarà anche "Giano" con cui andremo alla scoperta dei luoghi che in questi anni ho visitato e vi ho raccontato su questo sito e di quelli che visiterò in futuro.
Con i soldi che raccoglieremo con l'Associazione a fine anno contribuiremo in modo concreto a progetti per la valorizzazione del patrimonio culturale della Superba.




*** 
Prossimi appuntamenti Giano:


- 6 maggio 2017 (appuntamento ore 14:15 davanti all'ingresso di Villa Grimaldi Fassio, ove ha sede il Museo, in Via Capolungo 9)

GIANO ALLE RACCOLTE FRUGONE



- 10 maggio 2017 (appuntamento ore 17:30 davanti all'ingresso del Museo Beni Culturali Cappuccini in Via Bartolomeo Bosco)

GIANO ALLA MOSTRA
 "LA GRANDE PESTE 
GENOVA, 1656 - 1657"

 

- 20 maggio 2017 (appuntamento ore 11 in Piazza delle Scuole Pie)

GIANO ALLA VETRERIA ARTISTICA BOTTARO

 

***



Uno degli scorci dei vicoli  che preferisco: dal buio dei caruggi ecco comparire la torre bicroma di San Lorenzo
(foto di Antonio Figari)



INTERVISTE A "iSEGRETIdeiVICOLIdiGENOVA"


Era Superba - I segreti dei vicoli di Genova: il centro storico in un blog (di Marta Traverso)

Il Giornale della Liguria - più puntate alla ricerca dei segreti dei vicoli (di Giulia Guerri)

Mentelocale - I segreti dei vicoli di Genova: il blog di Antonio Figari (di Angela Ferrari)

I segreti dei vicoli di Genova a Radio 19

I segreti dei vicoli di Genova su Rai 1 a Uno Mattina 

Il Turista Informato - Alla Scoperta Dei Segreti Dei Vicoli Di Genova! (di Michela Sisti)

I segreti dei vicoli di Genova su la7 a "L'aria che tira" (al minuto 3:20 inizia la mia intervista) 

XLiguria - La Genova nascosta di Giano 
 
XLiguria - Giano, missione: a caccia di capolavori 




Notte in Vico delle Neve
(foto di Antonio Figari)


"E' un luogo che non si finisce mai di conoscere. Sembra che ci sia sempre qualche cosa da scoprirvi. Per andare a passeggio, ci sono i sentieri e i viottoli più straordinari: vi potete perder per strada (che piacere quando uno non ha niente da fare!) venti volte al giorno, se lo desiderate, e ritrovarla in mezzo alle difficoltà più sorprendenti e più inaspettate. E' ricco dei più strano contrasti: ad ogni svoltata, vi si presentano allo sguardo cose pittoresche, brutte, abbiette, magnifiche, deliziose e gradevoli."
(Charles Dickens, Pictures from Italy, 1843)

"Vista da molto alto, da dove non si vedono che tetti, giardini, cupole e il mare: cara grande città grigia, ma di un grigio così chiaro e gaio! (E se leviamo il capo, ci sono ancora palazzi dietro di noi, e dietro di essi le montagne, la frontiera, nell'aria fredda)."
(Valéry Larbaud)

"Genova alta e sonora e vasta! Palazzo unico di trecento piani a terrazza sul mare, ornato di palchi pensili. Genova dove gli ascensori pubblici hanno il compito che in altre città hanno i tram. Strade e quartieri sovrapposti e accavallati, che si sorpassano, si ricongiungono, si incrociano... Città a sorpresa, che insegna un'astuta saggezza a chi ne è pratico: una scala, un corridoio, un passaggio a volta, una passerella, un tunnel, ed eccovi in pochi minuti in una piazza o dinanzi a un palazzo che non avreste raggiunto che in un'ora di cammino seguendo la strada normale."
(Valéry Larbaud)


I vicoli di Genova visti dalla terrazza in cima alla Torre Piacentini di Piazza Dante
(foto di Antonio Figari)

I vicoli di Genova al tramonto visti dal quartiere di Castelletto
(foto di Antonio Figari)

Tramonto sui vicoli in una serata invernale
(foto di Antonio Figari)

I vicoli di Genova e sullo sfondo il porto e la Lanterna, visti da  corso Carbonara
(foto di Antonio Figari)



Rosso di sera sui vicoli e la lanterna
(foto di Antonio Figari)

La volta della Grotta (la sua storia e altre immagini nella pagina de "la GENOVA sotterranea")
(foto di Antonio Figari)

Il tramonto visto dalla Porta dell'Olivella (la storia di questa porta nella pagina de "le PORTE di GENOVA")
(foto di Antonio Figari)


 La Lanterna vista dalla collina dove sorgeva il Monastero di Santa Brigida (foto di Antonio Figari)


I vicoli visti dal complesso di San Silvestro (foto di Antonio Figari)


Nome profetico? Sicuramente una toponomastica molto azzeccata per una delle vie del centro storico di Genova, dedalo inestricabile e spesso fonte di disorientamento anche per i genovesi stessi
(foto di Antonio Figari)

Qui di seguito "Quartiere Genovese" (1948), un bellissimo documentario di Giovanni Paolucci con la voce narrante di Lauro Gazzolo che racconta il centro storico di Genova nell'immediato dopoguerra.






Qui di seguito invece uno spezzone del film "Le Mura di Malapaga" del francese Jean Gabin girato a Genova nel 1949: se guardate bene riconoscerete alcuni luoghi dei  vicoli come Piazza Cavour, Sottoripa, Via Carlo Alberto (oggi Via Gramsci) e i Truogoli di Santa Brigida.






Di seguito due filmati dell'Istituto Luce che documentano la devastazione del centro di Genova dopo i pesanti bombardamenti inglesi durante la Seconda Guerra Mondiale.








ALCUNE PRECISAZIONI

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Esso non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001.
Non mi assumo alcuna responsabilità per il contenuto dei siti ai quali rimando tramite i link in questa e nella altre pagine, segnalati come semplice suggerimento a coloro che visitano questo blog, in quanto inerenti agli argomenti via via trattati; il semplice rimando tramite link ad altri siti non implica inoltre alcuna tacita approvazione al contenuto degli stessi.
Coloro che inseriscono commenti in questo blog se ne assumono la piena e totale responsabilità; mi riservo il diritto di rimuovere i commenti che risultino offensivi, blasfemi e che siano di natura pubblicitaria.
Le immagini che trovate su questo blog sono pubblicate senza alcun fine di lucro; qualora la loro pubblicazione violasse diritti di autore o altro siete invitati a comunicarmelo: sarà mia cura rimuoverle al più presto.
Tutte le immagini, gli scritti e gli altri contenuti di questo blog non possono essere riprodotti senza mia esplicita autorizzazione scritta.
Per qualunque comunicazione Vi invito a scrivermi a info@isegretideivicolidigenova.com



SITI AMICI

Se volete aggiungervi tra i miei "siti amici" inserite sul vostro sito il banner del mio e inviatemi  in un commento a questa pagina il banner e l'Url del vostro sito o scrivetemi una mail a info@isegretideivicolidigenova.com



 










25 commenti:

  1. BELLISSIMO BLOG COMPLIMENTI!!!!
    SONO TI GENOVA ANCHE IO....TI SEGUO...SEGUIMI ANCHE TU SE TI VA'!!!
    UN BACIO, MARGHERITA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie due volte Margherita: per il complimento e per esser diventata mia follower. Diventerò anch'io follower del tuo blog! se hai consigli o posti dei vicoli particolari da suggerirmi scrivimi.
      Antonio

      Elimina
  2. Grande Anto, il blog è sempre più grande, dovresti importi sulla proloco genovese e farti pagare per la pubblicità gratuita alla Superba ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì SignoreSupremo come darti torto!!! ;-)

      Elimina
  3. Il blog è molto bello, bravo!
    Mi hai fatto venire nostalgia di Zena...

    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia! Grazie! Son contento ti piaccia il mio blog!

      Elimina
  4. Grazie per questo tuo Blog Antonio !! Mi presento : mi chiamo Daniela e sono nata a Genova . Sono restauratrice e da piccola ho avuto la fortuna di conoscere un anzianissimo artigiano genovese amico del papa' e che lavorava in una traversa di Via Garibaldi : faceva meraviglie con la cartapesta ... a lui ho dedicato un post nel mio blog ...perche' la sua arte ( ormai scomparsa ) ho l'onore di tramandarla io . Ti lascio qui il link se vorrai leggerlo :

    http://alizarinaart.blogspot.it/2012/04/desideri-in-cartapesta-un-materiale.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela! ho letto il tuo post. Complimenti per il tuo lavoro e per la tenacia con la quale porti avanti questa antica arte. Conto un giorno di venirti a trovare per vedere i tuoi splendidi capolavori.

      Elimina
  5. Il sito è molto bello. Scoperto per caso, lo inserirò nei miei preferiti.

    Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per le tue parole! Sono proprio contento che ti piaccia il mio sito.

      Elimina
    2. Lo devo ancora leggerlo tutto. Hai avuto una idea bellissima.
      Grazie.

      Elimina
    3. Grazie a te! buona lettura allora! Se hai suggerimenti o critiche non esitare a scrivermi.

      Elimina
  6. complimenti vivissimi
    devo però correggere questo punto
    "4. Le pietre "alleate" della Seconda Guerra Mondiale
    .....Pochi sanno però che alcuni muri hanno ancora impresso il passaggio dei soldati alleati che arrivarono a liberare la nostra città dalle truppe naziste."

    Le truppe alleate arrivarono quando i nazi-fascisti si erano già arresi alle forze partigiane - unica città nel secondo conflitto mondiale!!
    da wikipedia:L'epilogo: Alle 15 (del 25 aprile), scortati dai partigiani, Meinhold e dai suoi collaboratori arrivano a Genova a Villa Migone, nel quartiere di San Fruttuoso; alle 19.30 il generale Meinhold firma l'atto di resa, mentre poco prima, ore 17.30, un grosso contingente dei reparti ancora presenti nel porto si arrende ai partigiani. In totale si arrendono circa 6.000 soldati tedeschi
    cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le Sue parole di apprezzamento e per la Sua precisazione. Ho provveduto a modificare quanto da me erroneamente scritto.
      Antonio

      Elimina
  7. Bellissimo sito, complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sono felice che Ti piaccia il mio blog!

      Elimina
  8. bravo Antonio, il tuo blog mi emoziona, le tue immagini e parole contribuiscono a dare lustro al cuore di una città meravigliosa, un cuore che conserva tutto lo splendore dell'epoca in cui era importante repubblica marinara e in cui l'arte e le varie culture che in essa sono sbarcate hanno lasciato traccia indelebile!
    grazie
    simonetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Simonetta, grazie a Te per ciò che hai scritto. E' bello sapere che le mie immagini e le mie storie suscitino in te emozione! Genova è una città meravigliosa e riuscire a trasmettere agli altri l'amore che provo per la mia città è lo scopo di questo mio blog. Ho scoperto che anche tu hai un blog e Ti faccio i miei complimenti: è molto interessante! Amo curare il mio giardino e tutto ciò che riguarda la botanica mi affascina molto! Sarà un piacere seguirTi!

      Elimina
  9. complimenti per il blog
    lo abbiamo scoperto solo ora, ma ci piace molto, e continueremo a seguirlo.
    anche noi stiamo facendo qualcosa di simile, anche se volutamente limitato al materiale "storico" in nostro possesso: http://ceraunavoltagenova.blogspot.it/
    abbiamo già inserito il tuo blog nei nostri "blogs amici" (vai a vedere se abbiamo fatto bene perchè il web continua ad essere per noi un "mistero"....)
    Ciao, Lore e Gian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cari Lore e Gian, grazie per le Vostre parole! Ho dato un'occhiata al Vostro blog e lo ritengo molto interessante. Me lo leggerò con calma nei prossimi giorni. E' bello vedere che tante persone amano così tanto Genova e diffondono la sua bellezza su internet!
      Vi ringrazio per avermi inserito tra i Vostri siti amici. Anche io Vi ho inserito tra i miei.

      Elimina
  10. grazie ad un amico, ho scoperto il suo blog. è veramente stupendo.
    sono un vecchio genovese purosangue innamorato della propria Città.
    non mancherò di seguirlo e al proposito le dico subito che-grazie ai miei genitori-possiedo un misto di documentazione su Genova che finora ho tenuto per me. qualora, nelle sue ricerche, avesse bisogno
    di affrontare un certo argomento me lo faccia sapere.
    come vede, il mio blog l'ho titolato a BRANCA DORIA, giusto per cristalizzare questo formidabile
    personaggio immortalato da Dante. cordialità GFC.
    P.S. avrei una chicca sulle ville di Albaro ( ma forse non sono in tema )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro "Branca Doria",
      sono felice che Le piaccia il mio blog e spero che voglia condividere con me la documentazione in suo possesso! Anche se Albaro esula dalle mie ricerche (per ora... chissà, in futuro potrei anche "allargarmi") sono curioso di conoscere la sua chicca. Perché non mi scrive una mail a info@isegretideivicolidigenova.com e mi racconta tutto? Grazie in anticipo!

      P.s.: nei prossimi giorni non mancherò di dare un'occhiata al Suo blog dal nome tanto altisonante!

      Elimina
  11. Complimenti vivissimi per questo splendido blog!!! Un po ti invidio perché avrei voluto farlo io, ma sono felicissimo che ci sia qualcuno che porti avanti la storia della nostra città e che la sveli ai "distratti" ovvero a chi passa senza alzare lo sguardo davanti a un'edicola o a un'opera d'arte qualsiasi che si può incontrare passeggiando nel museo a cielo aperto più importante di Genova.
    Continua così ;)
    A presto.

    Davide

    RispondiElimina