la VITA nei VICOLI nel 1931

Una delle cose che più mi rattrista nel mio quotidiano peregrinare nei vicoli è il vedere tante serrande abbassate: dove una volta pulsava il cuore commerciale di Genova oggi regna la desolazione.
La chiusura di antichi negozi e botteghe, oltre a rappresentare la perdita di un tassello di vita dei vicoli fatto di tradizioni ed antichi mestieri, lascia dietro di sé un vuoto che si riflette nell'ambiente circostante.
Vi siete mai chiesti cosa c'era in questo o in quel caruggio?
Il ritrovamento fortuito in soffitta di un elenco telefonico del 1931, regalo inaspettato dei miei avi (sembra quasi che l'abbiano lasciato lì perché io lo trovassi!), mi ha dato un'idea: perché non far rivivere la vita di allora attraverso l'elencazione, vicolo per vicolo, delle arti, dei mestieri e delle persone che vi abitavano o esercitavano lì il loro mestiere?
Chiudete per un secondo gli occhi ed immaginate di dover comprar un cappello alla moda o dover spedire in Sud America un carico di lupini, a chi potete rivolgervi? O dover andar a casa del tale o del talaltro e non sapere dove costui abiti. Seguitemi in questa pagina e lo scoprirete.
E' proprio vero che l'elenco del telefono è una fonte inesauribile di curiosità.
Accanto ad ogni attività commerciale  e persona citata troverete anche il numero telefonico: se Vi va, provate a comporre il numero!


(foto di Antonio Figari)




INDICE

1. Via dei Macelli di Soziglia
2. Piazza Soziglia
3. Via Maddalena
4. Piazza di Pellicceria
5. Via ai 4 Canti di San Francesco
6. Piazza Senarega
7. Piazza del San Sepolcro
8. Vico del San Sepolcro
9. Vico delle Mele
10. Piazza del Ferro
11. Piazza san Marcellino



 1. Via dei Macelli di Soziglia     

(foto di Antonio Figari)



2. Piazza Soziglia

(foto di Antonio Figari)



                                

3. Via Maddalena


(foto di Antonio Figari)

4. Piazza di Pellicceria


(foto di Antonio Figari)

5. Via ai 4 Canti di San Francesco


(foto di Antonio Figari)


6. Piazza Senarega


(foto di Antonio Figari)


7. Piazza del San Sepolcro


(foto di Antonio Figari)


8. Vico del San Sepolcro


(foto di Antonio Figari)



9. Vico delle Mele


(foto di Antonio Figari)


10. Piazza del Ferro



 
11. Piazza san Marcellino




 
(...continua)

18 commenti:

  1. Ma che meraviglia!!!! Grazie....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, è una meraviglia scorrere le pagine dell'antico elenco e rivivere per un momento in quell'epoca, quando i vicoli erano pieni di vita!

      Elimina
    2. Ciao,
      Vorrei sapere qualcosa della Casana, da cui il vicolo prende il nome.
      Grazie mille

      Elimina
    3. Ciao,
      il vicolo prende il nome dalle "casane", i banchi dei pegni, qui presenti fin dal Quattrocento.

      Elimina
  2. Certo che vedere tante rivendite di carni e pesci in Via dei Macelli di Soziglia fa sorridere. I perché di un nome...! Di quante vie vorrei conoscere l'origine! Ci sono dei nomi così strani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì cara Laila, un nome un perchè, e la cosa bella è che ancora oggi, a differenza di tanti altri vicoli, Vico dei Macelli è ancora un vicolo vivo dove sopravvivono quelle botteghe che gli danno il nome!

      Elimina
  3. Complimenti !! Questo tuo post e' uno dei miei preferiti !! Spero tu voglia farne altri..corredati di foto !! Grazie di cuore .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le tue parole! Stai tranquilla...in questa pagina raccoglierò tutto l'elenco telefonico diviso vicolo a vicolo: l'elenco del '31 ha ancora tanto da raccontare!

      Elimina
  4. sei fantastico come glogger,come fotografo e come storico...continua cosi' hao 60 anni e sono nata in via macaggi sopra il bar baililla e credi a me di ricordi ne ho una marea,di posti che non esistono piu' bravo antonio in piu' hai il nome e cognome di un mio grande amco che non c'e' piu' ...il famoso antonio figari testimone per omicidio sutter ciao BRAVOOOOOOOO PAT

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pat! Grazie per quello che mi hai scritto! Sono proprio contento ti piaccia il mio lavoro!
      Da quello che mi hai scritto anche tu hai molti segreti dei vicoli da svelarmi: se ti va scrivimi una mail a info@isegretideivicolidigenova.com così da aiutarmi nella mia ricerca!

      Elimina
  5. Complimenti per il lavoro svolto e l'impegno, le uniche cose che ho riconosciuto, sono il bar Klainguti e Romanengo P. Confetteria, che ci sono ancora.
    Bravo, Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Sergio, grazie per le Tue parole! Purtroppo molte antiche botteghe non esistono più e alcuni vicoli, una volta vivi e pieni di attività commerciali, oggi sono quasi abbandonati.

      Elimina
  6. Caro Figari, mi hanno parlato di te e di questo blog alcuni amici del liceo D'Oria; gran lavoro davvero. Io mi occupo del genovese, insieme ad altri coetanei (www.chelinse.org); se poi ci incontreremo ne parleremo. Volevo segnalarti, in merito a questa pagina "1931", la descrizione dei vicoli di fine ottocento in prosa zeneize che si trova qui http://digilander.libero.it/alguas/periodici.html, e proporti eventualmente di collaborare per integrare il genovese, per quanto possibile, in questi lavori. Fare spazio nel nostro secolo alla lingua antica significa andare oltre i proverbi,le barzellette (che van benissimo, ma non bastano) e usarla come veicolo di comunicazione "normale". Spero a presto. Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Andrea, sono contento Ti piaccia il mio blog e complimenti per il Tuo sito e l'idea, che approvo in pieno, di portare il genovese nella vita "normale"! Grazie per la Tua segnalazione, davvero interessante la prosa in zeneize.
      Scrivimi a info@isegretideivicolidigenova.com così cerchiamo di incontrarci e discutere di eventuali progetti da condurre insieme.
      A presto
      Antonio

      Elimina
  7. anche io appassionata di vicoli qualche anno fa ho voluto ricordare le "botteghe" aperte in salita Carbonara alla fine degli anni 50 e per ognuna di loro ho preparato un cartello e l'ho appeso come un'insegna.....carbonaio cardatore droghiere friggitoria sarto vernici e colori "lattoniere" osterie calzolaio ,ogni buco una bottega.....adesso il vuoto!!! Ho tenuto le insegne!!!!

    RispondiElimina
  8. Post incredibile! Faccio notare che dell'elenco di Via dei Macelli di Soziglia e di Piazza di Soziglia sono ancora presenti le seguenti attività: De Micheli (salumiere, rosticciere), Kleinguti (bar pasticceria), Barisione (cartoleria), Ronanengo (confetteria). Un saluto a tutti i lettori e un grande complimento all'autore!

    RispondiElimina
  9. Grazie di cuore,ottimo lavoro;io sono nato in Porta Soprana e i vicoli sono particolarmente importanti,rappresentano la mia infanzia, i miei ricordi più belli ( i miei nonni paterni abitavano nella casa di Paganini...).Spero che continuerai a pubblicare materiale così bello,un caro saluto e grazie ancora.

    RispondiElimina
  10. complimenti, veramente interessante. Sono di Bologna, ma sono stato spesso a Genova per lavoro. La prossima volta che mi capita di venire lì, mi porto sicuramente i tuoi preziosi consigli.
    Grazie, Lorenzo

    RispondiElimina