i PROVERBI genovesi

(the Genoese proverbs, génoise proverbes, proverbios genoveses, genovês provérbios, пословицы генуэзской, ことわざのジェノバ, 谚语热那亚, الأمثال جنوة)

Ed ora un po' di saggezza popolare genovese, dalla "a" alla "z" (proverbi genovesi nella grafîa ofiçiâ dell’Académia Ligùstica do Brénno):

1) per iniziare un bel modo di dire che inquadra perfettamente il modo in cui i genovesi vedono i forestieri (e forse anche il loro modo di trattarli):
vâ ciù un zenéize inte ’n dîo che ’n foestê câsòu e vestîo
(vale più un genovese in un dito che un forestiero calzato e vestito)

2) i genovesi, si sa, non amano mostrare opulenza e ricchezza in giro; forse per questo che i più bei palazzi  della Superba nascondono i loro tesori all'interno, invisibili a colui che è all'esterno. Questo proverbio riflette tutto ciò:
o cû e i dinæ no se móstran a nisciùn
(il sedere e i soldi non si mostrano a nessuno)

3) nessuno è perfetto:
sbàglia fìnn-a o præve into dî méssa
(sbaglia anche il prete nel dire la messa)

4) rimanendo in ambito religioso meglio guardarsi dai bigotti:
Dîo m’avàrde da-i beghìn e da chi va in gêxa tùtte-e matìn
(Dio mi guardi dai bigotti e da chi va in chiesa tutte le mattine)

5) colui che si crogiola nel dolce far nulla non combina niente:
se o càn o se gràtta e bàlle, a lêvre a scàppa inta vàlle
(se il cane si gratta le palle, la lepre scappa nella valle)
ed anche:
pestâ l’ægoa into mortâ
(Pestare l'acqua nel mortaio)

6) un pò di sano ottimismo ligure, o come direbbero i liguri... un po' di sano realismo perché ricordate, ”Un pessimista è uno che, quando sente profumo di fiori, si guarda in giro per vedere dov’è la bara.”(Henry Louis Mencken):
o méize de çiòule o vén pe tùtti
(il mese delle cipolle (delle lacrime) viene per tutti)

7) e se in giro per l'Italia il bue dà del cornuto all'asino a Genova:
o crövo o dîxe a-o mèrlo: “cómme t’ê néigro!”
(il corvo dice al merlo "Come sei nero!")

8) sbagliando si impara o detto in modi spicci alla genovese:
ògni câso into cû o fa anâ ’n pàsso avànti
(ogni calcio nel sedere fa fare un passo avanti)

9) la mamma dei cretini, si sa, è  sempre in dolce attesa:
a moæ di belinoìn a l'é de lóngo grâia
(la mamma degli imbecilli è sempre incinta)

10) e se la mamma dei cretini ha partorito:
scinché e prîe aniàn a-o fóndo, d’abelinæ ghe ne saiâ de lóngo
(finché le pietre affonderanno, gli sciocchi non mancheranno)
od ancora:
mànco boìn a trovâ l’ægoa ’n mâ
(non essere neppure capaci di trovare l'acqua in mare)

11) tutti possono sbagliare, solo alcuni possono porvi rimedio:
i sbàgli di mêghi l’ascónde a tæra, quélli di rìcchi i dinæ
(gli errori dei medici li nasconde la terra, quelli dei ricchi li nasconde il denaro)

12) e se qualcuno pensa che noi genovesi siamo troppo attaccati al denaro... non si ricreda:
a salûte sénsa dinæ a l’é ’na mêza moutîa
(la salute senza i soldi è una mezza malattia)
od ancora:
chi l’é sénsa dinæ spùssa ciù che a mòrte
(chi è senza soldi puzza di più della morte
(detta in altre parole: l'essere senza soldi è una disgrazia peggiore che essere morti)


13) e quando la miseria è di casa:
avéi ’na mizêia ch’a se védde pasegiâ pe-a câza
(avere una miseria che si vede passeggiare per casa o detto altrimenti: essere così poveri che sembra di vedere la povertà che passeggia per casa)

14) ma non sempre il denaro è tutto:
’na bónn-a reputaçión a vâ ciù de ’n milión
(una buona reputazione vale piu' di un milione)

15) e se qualche volta uno fa il generoso con un amico:
a prestâ e palànche a ’n amîgo, ti pèrdi e palànche e ti pèrdi l’amîgo
(se presti soldi ad un amico, perdi i soldi e perdi l'amico)

16) c'è poi chi ha solo la bellezza:
a l’à a beléssa de l’âze
(ha la bellezza dell'asino, in altre parole: è semplicemente bella, senza possedere nessuna altra dote. È una traduzione a orecchio del francese "la beauté de l’âge": la bellezza dell’età.)

17) vi sono cose che vanno per le lunghe, a Genova si dice:
a l’é cómme a Fàbrica de Caignàn
oppure
a pâ a Fàbrica de Caignàn
(il modo di dire nasce dalla lentezza con la quale venne innalzata e completata la basilica di Carignano. L'architetto Galeazzo Alessi che progettò l'opera mori nel 1572 senza vederne la fine. Dovrà passare ancora più di un secolo perché i lavori vengano portati a termine)

18) ed ora uno dei più famosi proverbi genovesi sull'impossibilità di fare due cose contemporaneamente:
no se peu sciusciâ e sciorbî
(non si può soffiare e sorbire)
detto in altro modo
no se peu béive e scigoâ
(non si può bere e fischiare)
o ancora
chi dôe lêvre càccia, unn-a a fùzze e l’âtra a scàppa
(chi caccia due lepri, una fugge e l'altra scappa)

19) quando le cose sono facili tutti siamo capaci di farle:
co-o bón ténpo sémmo tùtti mainæ
(con il buon tempo siamo tutti marinai)

20) quando si dice, sprigionare allegria da tutti i pori:
ghe rîe fìnn-a o béuggio do cû
(gli ride perfino il buco del sedere)

21) e se in giro per lo stivale si dice "ha scoperto l'acqua calda" a Genova il proverbio recita:
o l’à scovèrto l’umiditæ into pósso
(ha scoperto l'umidità nel pozzo)




(continua...)


© RIPRODUZIONE RISERVATA




7 commenti:

  1. Esilaranti e ruvidi al punto giusto come solo il genovese sa essere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, questi proverbi riflettono appieno lo spirito di noi genovesi nel bene e nel male!

      Elimina
  2. Oltre ai proverbi veri e propri esistevano espressioni imprecative fisse...te ne suggerisco una, estremamente ruvida e popolare, che scappava di bocca ai padri nei momenti di massima incazzatura verso i figli.."..cumme t'ho faetu.. te disfu..", ed una ,imprecativa e di maledizione: "che te vegnisse a rogna e che te cassessan e ungie e nu te pouessi grattaa..".. ma poi ne esistevano tante altre,spesso sconcie e non riportabili in questo sito ( per es.."in b.. che te anneghe" ecc)..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "cumme t'ho fætu te disfu" è una delle espressioni genovesi che preferisco!
      Belle anche le altre due... anche se forse l'ultima che mi hai scritto, come dici te, è meglio non inserirla tra i proverbi in questa pagina!

      Elimina
  3. Buona sera..scusate se disturbo..purtroppo sono una mezzosangue italiana e non una pura Genovese...ma ho a che fare con un genovese e vorrei sapere come di dice volgarmente guarda che bel figo inteso come bellissimo ragazzo...il mio amico mi dice che esiste solo la versione al femminile..ma è possibile? Grazie Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera Alex, ho ricevuto la Sua mail riguardante la domanda posta nel Suo commento qui sopra e ho risposto al Suo interrogativo. Spero che la mia risposta sia stata esauriente. Se invece non lo è stata non esiti a scrivermi.
      Antonio

      Elimina
  4. Esistono proverbi o frasi in genovese collegate al Genoa? grazie

    RispondiElimina