le BOTTEGHE storiche

(old shops in Genoa, les historique boutiques à Gênes, histórico  tiendas en Génova, Antigas lojas em Génova, Старые магазины в Генуе, ジェノバの古い店, 在热那亚老店, المحلات التجارية القديمة في جنوة)



Casbah d'occidente, questa potrebbe essere la definizione per il centro storico di Genova data la varietà degli odori e dei colori che nei vicoli si mescolano tra loro nelle botteghe che appaiono come per magia al viaggiatore che decide di addentrarsi in questo intreccio di viuzze buie e strette.
Botteghe antiche e cariche di storia, costrette a lottare contro anomini call center, negozi cinesi o supermercati, e contro gli stessi genovesi che spesso ne ignorano l'esistenza, inconsapevoli della bellezza che si cela dietro le serrande di alcuni negozi nel centro storico della loro città.
E' anche questo un tassello per svelare i segreti dei vicoli di Genova, che non sono solo fatti di palazzi e chiese, ma hanno in loro anche un cuore pulsante fatto di commerci di ogni tipo, di merci provenienti da tutti i porti del Mediterraneo che hanno fatto la fortuna della Superba nei secoli.
Questa pagina vi condurrà a spasso nelle più belle botteghe storiche che potete trovare nei vicoli di Genova.
Sarà una lunga passeggiata che da Sottoripa, sotto i portici che anticamente guardavano al mare, ci condurrà nel cuore del centro storico (per il momento troverete alcuni paragrafi con la descrizione e le foto, altri invece solo con una foto).


INDICE

1. Friggitoria Carega (Via di Sottoripa n. 113 rosso)
2. P. Armanino e Figli (Via di Sottoripa n. 105 rosso)
3. Lucarda (Via di Sottoripa n. 61 rosso)
4. Busellato Incisioni (Via al Ponte Reale n. 3)
5. Gran Ristoro (Via di Sottoripa n. 27 rosso)
6. Barberia Giacalone (Vico dei Caprettari n. 14 rosso)
7. Antica Sciamadda (Via San Giorgio n. 14 rosso) 
8. Sa Pésta (Via Giustiniani n. 16 rosso)
9. Antica Drogheria M. Torielli (Via San Bernardo n. 32 rosso)
10. Ferramenta Caffarena (Via Chiabrera n. 60 rosso)
11. Antica Drogheria di Canneto (Via Canneto il Lungo n. 54)
12. Drogheria Casaleggio (Vico delle Erbe n. 6 rosso)
13. Romeo Viganotti fabbrica di cioccolato (Vico Castagna n. 14 rosso) 
14. Luico Fabbrica Turaccioli (Salita Santa Caterina n. 17 rosso) 
15. Pasticceria Villa di Profumo (Via del Portello n. 2 rosso)
16. Macelleria Nico (Via dei Macelli di Soziglia n. 8 rosso)
17. Bottega dello Stoccafisso (Via dei Macelli di Soziglia n. 20 rosso)
18. Antica Tripperia La Casana (Vico della Casana n. 3 rosso)
19. Pasticceria dei Fratelli Klainguti (Piazza Soziglia n. 98 rosso)
20. Confetteria Pietro Romanengo fu Stefano (Piazza Soziglia n. 74 rosso)
21. Pasticceria Liquoreria  Marescotti (Via di Fossatello n. 35 rosso)
22. Antica Farmacia Erboristica Sant'Anna (Piazza Sant'Anna n. 8)
23. Antica Polleria Aresu (Vico Inferiore del Ferro n. 1)
24. Arduino Antiquariato (Via Garibaldi n. 15-17)
25. Bottaro Vetreria Artistica (Piazza delle Scuole Pie n. 3A)
26. Libreria Bozzi (Via San Siro n. 28 rosso)
27. Libreria Antiquaria Dallai (Piazza de Marini n. 38 rosso)
28. Finollo (Via Roma n. 38 rosso)
29. Argenteria Gismondi (Via Galata n. 78 rosso)
30. Mangini (Piazza Corvetto 3 rosso)
31. Pescetto (Via di Scurreria n. 8 rosso)
32. Pissimbono (Via XXV Aprile 64 rosso)
33. Giovanni Rivara fu Luigi (Piazza San Lorenzo n. 36 rosso)
34. Farmacia Operaia Sormani (Piazza della Raibetta n. 6 rosso)
35. Luigi Stagno Calzature (Largo Sandro Pertini 5)
36. Farmacia Alvigini (Via Francesco Petrarca 14 rosso)
36. Drogheria Viganego (Via Colombo n. 22 rosso)
37. Zuccotti fabbrica di cioccolato (Via di Santa Zita n. 36 rosso)
38. Pasticceria Svizzera Vital Gaspero (Via Albaro n. 5-9)
39. Cremeria Buonafede (Via Luccoli n. 12)
40. La botteghetta magica (Via della Maddalena n. 2)
41. Le insegne delle botteghe che furono
    a. Il Banco del Lotto (Via del Campo n. 76 rosso)
    b. Mutua Assistenza Lavoranti in Legno (Vico Vegetti n. 8)
    c. Latteria (Piazza Sarzano n. 31 rosso)
    d. Issel (Via Roma n. 85r)
    e. Pasticceria G. Zeneise Liquoreria

(di alcune troverete immagini e storia, di altre per ora solo un'immagine o un'anticipazione di ciò che presto Vi racconterò)

 Fabrizio De Andrè con il figlio Cristiano in una Sciamadda

  

1. Friggitoria Carega (Via di Sottoripa n. 113 rosso)

Friggitoria Carega, Via Sottoripa 113r
(foto da http://www.nessundove.net/facciamo-mille-passi
)
Enea Silvio Piccolomini, futuro Papa Pio II, nel 1432 cosi' descriveva i medievali portici di  Sottoripa: "Un porticato lungo mille passi dove si può acquistare ogni merce (...)".
Ebbene, se vi capita di passeggiar  in questa zona, non perdetevi la friggitoria Carega: nata nel 1942 essa si trova al numero 113r di Sottoripa.
Non ci sono insegne fuori dal locale ma i profumi vi condurranno li' e vi troverete davanti ad un banco pieno di prelibatezze e sullo sfondo le pareti ricoperte di bianche piastrelle.

La cosa che tutti dovrebbero assaggiar e' la farinata:  e qui mi viene in mente una antica leggenda. Si narra infatti che la farinata nacque nel 1284, durante il rientro dei genovesi dalla vittoriosa battaglia della Meloria: durante una tempesta alcuni barili di olio e sacchi di ceci si rovesciarono e mischiarono tra loro e con l'acqua salata del mare dando vita ad una strana poltiglia. Si decise  di far asciugar l'impasto così formatosi e mangiandolo i genovesi scoprirono una prelibatezza che ancora oggi tutti ci invidiano. Arrivato in città si decise di migliorare questo piatto facendo cuocere l'impasto nel forno.  Il risultato piacque e, per scherno agli sconfitti e per il suo caratteristico colore, venne chiamato "l'oro di Pisa".
Polpo ed altre specialità della Friggitoria Carega
(foto di Antonio Figari)
La farinata pero' non deve bastarvi: ci sono anche frittelle di baccala', panissa, acciughe, polpi, bianchetti quando e' stagione, e poi polpettoni di verdura e tanto altro, il tutto servito avvolto in un pezzo di carta da consumare lì dentro sugli sgabelli o per strada.








2. P. Armanino e Figli (Via di Sottoripa n. 105 rosso)

(foto di Antonio Figari)

(foto di Antonio Figari)
Proseguendo sotto i portici di Sottoripa verso Via San Lorenzo Vi imbatterete in una coloratissima vetrina, là dove una volta vi era una rimessa per le barche, piena di frutta di ogni tipo: zuccherata, glassata, secca. E' il negozio Armanino in Via di Sottoripa n. 105 r, aperto dal 1905 da Placido Armanino e ora in mano ai due cugini Massimo e Placido, una vera chicca tra le botteghe del centro storico genovese.
Fin da quando ero bambino mi fermo davanti a questa vetrina e rimango a bocca aperta guardando tutte quelle prelibatezze che aspettano solo di esser mangiate.
L'interno, con le sue vecchie piastrelle esagonali genovesi, è permeato dallo zucchero che sembra fuoriuscire da ogni angolo ma non solo:  son infatti presenti prugne, datteri, tra i quali la pregiata varietà medjoul, noci di cocco ed anche frutti particolari come lo zenzero o la papaya, o le carrube, vera prelibatezza da assaggiare, altro che biblico cibo per i soli maiali come ci insegna la parabola del Figliol Prodigo, il quale li divideva coi porci; ma anche marmellate, mostarde, miele, funghi e legumi.
Il periodo in cui il negozio si riempe di più è sicuramente il Natale, momento in cui tutte le famiglie genovesi non fanno mai mancare sulle loro tavole la frutta secca e le altre prelibatezze che questa storica bottega vende.


(foto di Antonio Figari)

(foto di Antonio Figari)
 


 3. Lucarda (Via di Sottoripa n. 61 rosso)

(foto di Antonio Figari)
Aperto nel 1920, Lucarda si trova in Via di Sottoripa al civico 61 rosso.
Specializzato in forniture di abiti di lavoro, camicie ed ogni genere di vestiario marinaro per i portuali, negli anni '50 diventò punto di riferimento per i giovani genovesi che qui acquistavano i primi jeans e le maglie blu dei marittimi.
Tra i clienti più famosi Paolo Villaggio, Fabrizio De Andrè e Gilberto Govi: quest'ultimo spesso si fermava in questo negozio per osservare tutta l'umanità che passava di qui per trarne ispirazione per i suoi mitici personaggi.





4. Busellato Incisioni (Via al Ponte Reale n. 3)

Questa antica bottega artigiana, in Via al Ponte Reale n. 3 rosso, inizia la sua attività di produzione di timbri, targhe e incisioni nel lontano 1896.
Fu Bernardo Luigi Busellato, di origini vicentine, in attesa di imbarcarsi per le Americhe, ad aprire in Via al Ponte Reale n. 2 rosso una piccola rivendita che sarà poi trasferita nel 1910 dove attualmente si trova.
Negli anni cinquenta del novecento  viene aperto il laboratorio in Via Teodosia dove ancora oggi vengono prodotte targhe e timbri.
Questa storica bottega prosegue oggi la sua attività grazie ai discendenti di quel Bernardo Luigi che decise di rimanere nei caruggi di Genova invece di imbarcarsi per il nuovo mondo.
Entrando respirerete quell'atmosfera tipica delle botteghe storiche: vecchie cassettiere in legno conservano gli strumenti del mestiere e la storia della città, fatta di nomi di ditte e di cittadini che qui, da più di cent'anni, vengono ad acquistare timbri, targhe, sigilli ed incisioni per i più svariati utilizzi.
Antica immagine della bottega Busellato
(foto da http://www.busellato1896.it)


5. Gran Ristoro (Via di Sottoripa n. 27 rosso)

Se passate in Sottoripa all'ora di pranzo, nel tratto dietro Palazzo San Giorgio, e notate sotto i medievali portici una coda senza fine siete arrivati al Gran Ristoro, una piccola bottega con una sola vetrina, nella quale son esposti con ordine e targhetta di riconoscimento salumi e formaggi di ogni tipo.

Qui si viene per gustare un panino, il problema è quale: unire un tipo di pane ad un salume e un formaggio è spesso per me una vera e propria impresa degna di Ercole! Inutile dirvi che basta pensare a questo luogo per farmi venire fame. Qualunque sia la Vostra scelta non rimarrete mai delusi dagli accostamenti di cibo che spesso sono suggeriti da colui che Vi serve al banco. 


6. La Barberia Giacalone (Vico dei Caprettari n. 14 rosso)

Le splendide vetrate della Barberia Giacalone
(foto di Antonio Figari)


In Vico dei Caprettari n. 14 rosso, a pochi passi dai portici  di Sottoripa, dopo aver superato l'incrocio con Via San Lorenzo, nasce nel 1882 la Barberia Giacalone. 
Barberia Giacalone, Vico dei Caprettari 14 R
(foto di Antonio Figari)
Nel 1922 Italo, figlio del fondatore della bottega, decide di rinnovare gli allestimenti del locale secondo i gusti e le forme dell'Art Decò. Il risultato è splendido: le piastrelle bianche che coprono l'intero negozio vengono sovrastate da specchi ovali e da vetri colorati sulle pareti, e da lampadari e specchi sul soffitto. Il visitatore che si affaccia alla piccola bottega rimane abbagliato dai colori e dall'atmosfera da belle époque.

Recentemente la barberia è stata acquistata dalla delegazione genovese del Fai (Fondo Ambiente Italiano).






7. Antica Sciamadda (Via San Giorgio n. 14 rosso)

Le vetrine dell'Antica Sciamadda
(foto di Antonio Figari)

L'interno dell'Antica Sciamadda
(foto di Antonio Figari)


I prodotti dell'Antica Sciamadda
(foto di Antonio Figari)



8. Sa Pésta (Via Giustiniani n. 16 rosso) 

Sa Pesta
(foto di Antonio Figari)

Il forno, la legna e le teglie di farinata
(foto di Antonio Figari)



Farinata, ma non solo, torte di verdura, acciughe ripiene,  ripieni di verdura: sono queste le specialità dell'antica "sciamadda" Sa Pésta sita in Via Giustiniani al civico 16 rosso.
"Sa Pésta" significa in genovese "sale pestato", il sale fino che anticamente veniva pestato nei mortai di marmo e poi venduto al dettaglio.
La vendita del sale era anticamente la merce venduta in questa bottega, solo successivamente si iniziò a vendere pane e vino e cominciò così l'attività di ristorazione ed il riferimento all'antica denominazione rimase al proprietario detto "O Sa Pésta".
Il forno a legna conferisce alla farinata il suo tipico colore dorato oltre a dare al locale un'atmosfera da altri tempi, i tavoli di legno e le piastrelle ai muri fanno il resto.
Se capitate da queste parti e non entrate per un pezzo di farinata ve ne pentirete.
"Sa Pésta" è aperto a pranzo dal lunedì al sabato e la sera su prenotazione dal giovedì al sabato.

Tavoli di legno, tovaglie di carta e piastrelle alle pareti
(foto di Antonio Figari)
 
9. Antica Drogheria M. Torielli (Via San Bernardo n. 32 rosso)

La Drogheria M. Torielli
(foto di Antonio Figari)


Aperta nel 1929 dalla signora Matilde, nonna delle attuali proprietarie, Antonella e Rosanna, questa antica bottega conserva al suo interno il fascino dei tempi antichi: gli scaffali sono carichi di ogni tipo di spezie, dalle tisane ai vari tipi di thè, caffè, pepe, ma anche saponi e spugne naturali che "cadono" dal soffitto, marmellate e mentine. 
Entrando dentro Vi perderete nella bellezza e nella varietà che contraddistinguono questa antica bottega e non potrete non uscirne con qualche varietà di thè o qualche pepe esotico.

I vasetti di pepe esposti nella vetrina della Drogheria M. Torielli
(foto di Antonio Figari)

(foto di Antonio Figari)


(foto di Antonio Figari)

(foto di Antonio Figari)



10. Ferramenta Caffarena (Via Chiabrera n. 60 rosso)

L'antica insegna del Ferramenta Caffarena
(foto di Antonio Figari)




11. Antica Drogheria di Canneto (Via Canneto il Lungo n. 54)

L'insegna dell'Antica Drogheria di Canneto
(foto di Antonio Figari)

L'interno dell'Antica Drogheria di Canneto il Lungo
(foto di Antonio Figari)

Sacchi di ogni tipo di semi
(foto di Antonio Figari)






12. Drogheria Casaleggio (Vico delle Erbe n. 6 rosso) 

La drogheria Casaleggio
(foto di Antonio Figari)


Se, come me, Vi fermate in Vico delle Erbe e rimanete incantati dalla vetrina piena di colori che vedete qui sopra, entrate ed immergeteVi nel profumo dei saponi, come i famosi Valobra, e degli altri aromi che qui purtroppo posso solo raccontarVi, o perdetevi tra i pettini di corno o le spugne naturali appese agli scaffali. E' questa la Drogheria Casaleggio, aperta nel 1956 e ancora oggi gestita dalla famiglia che la fondò.


13. Romeo Viganotti fabbrica di cioccolato (Vico Castagna n. 14 rosso)

(foto di Antonio Figari)

Viganotti è una delle poche botteghe d'atmosfera ottocentesca che ancora si trovano nei vicoli di Genova. Non è un luogo di passaggio e se non lo si conosce è quasi impossibile capitarci per caso: per arrivare in questo antico negozio dovete infilarVi in vicolo dei Castagna da Via di Porta Soprana o da Salita del Prione.
Vi ritroverete dopo poco in un piccolo cortiletto, dove già il profumo intenso del cioccolato la fa da padrone, e davanti a Voi si parerà una porta a vetri smerigliati.
Superata la soglia Vi ritroverete immersi in un altra epoca: bancone e arredi di legno, albanelle di vetro e cestini di vimini pieni di ogni bontà al cioccolato che sembra di essere entrati nel paese dei balocchi, e dietro il laboratorio con gli antichi macchinari che risalgono al diciannovesimo secolo.
(foto di Antonio Figari)

Le ricette con le quali vengono preparate queste prelibatezze al cacao sono le stesse del fondatore della ditta Giacomo Viganotti, tramandate al figlio Romeo ed ancora oggi utilizzate da Alessandreo Boccardo, titolare di questa bottega  dal 1999. 
Mi piace di tanto in tanto entrare in questo negozio, comprare un pò di bontà al cioccolato e mangiarla con avidità e ancor più gusto pensando che 150 anni fa qualcun altro come me faceva la stessa cosa: insomma, gli anni passano ma le buone abitudini rimangono.

Un antico macchinario per la lavorazione del cacao
(foto di Antonio Figari)


14. Luico Fabbrica Turaccioli (Salita Santa Caterina n. 17 rosso)


Aperta nel 1855 dagli antenati del signor Luico che ancora oggi, con sua moglie, gestisce questo piccolo negozio in Salita Santa Caterina, questa bottega conserva l'atmosfera di quando qui in salita Santa Caterina passavano cavalli e carrozze. 
Il suo "core business", i tappi di sughero, son ancora lì, in bella mostra, divisi per misure e dimensioni, in grossi sacchi.
Anticamente erano gli stessi Luico, nel loro laboratorio in Vico delle Fucine (una delle vie di Piccapietra che oggi non esiste più) a far bollire nelle caldaie di rame, dopo quattordici mesi di stagionatura, il sughero che così veniva sterilizzato.



15. Pasticceria Villa di Profumo (Via del Portello n. 2 rosso)
Pasticceria Villa di Profumo
(foto di Antonio Figari)


16. Macelleria Nico (Via dei Macelli di Soziglia n. 8 rosso)


Questa macelleria conserva un lungo bancone di marmo, scolpito intorno al 1892, con bassorilievi raffiguranti, tra buoi, coltelli, cavezze, attizzatoi per il fuoco e altri attrezzi da macelleria, i volti di Garibaldi, Mazzini, La Marmora, Nino Bixio e una quinta figura femminile che, si pensa, sia la personificazione dell'Italia. 
In un angolo fa capolino poi Mercurio alato, il Dio del commercio.
Se alzate gli occhi potrete notare inoltre l'originale guidovia coi suoi ganci per appendere la carne.

Gli splendidi bassorilievi in marmo del bancone
(foto di Antonio Figari)


Particolare in cui si nota il volto di Giuseppe Garibaldi
(foto di Antonio Figari)



La guidovia coi suoi ganci per appendere la carne
(foto di Antonio Figari)


17. Bottega dello Stoccafisso (Via dei Macelli di Soziglia n. 20 rosso)


Nata nel 1936, questa bottega è il tempio cittadino del merluzzo, proveniente direttamente dalle Isole Lofoten della Norvegia come ricordano i sacchi di iuta qua e là nel negozio: entrando vi ritroverete tra banchi di marmo, dove rubinetti aperti tengono lo stoccafisso sott'acqua, accanto lo "stocca" sotto sale e a mezz'altezza, legato con spago a ganci di ferro altro "stocca" essiccato.
Accanto allo "stocca" in tutte le sue varianti, grosse latte di tonno, mostarda di ogni tipo, olive di ogni dimensione, olio, pinoli, funghi secchi e tutto ciò che possiate accostare all'idea di "conserva", il tutto entro una cornice di piastrelle bianche, banchi in marmo e il profumo degli ingredienti genuini tipici delle botteghe storiche dei vicoli di Genova.


18. Antica Tripperia La Casana (Vico della Casana n. 3 rosso)

Centopelle, cuffia, cordone, gruppo, castagnetta, ricetto e gola: ecco i sette tagli della trippa.
Fatevi trasportare dal profumo di questo prelibato piatto genovese che si spande nei vicoli e vi ritroverete in vico Casana al n. 3 rosso nell'antica tripperia.
Le trippe appese
(foto di Antonio Figari)
Un negozio che ha più di duecento anni dove nelle ore tarde del pomeriggio ribollono pentoloni di rame su antichi fuochi, il tutto circondato da piastrelle bianche e un tavolo di marmo dove anticamente, sugli sgabelli di legno i portuali venivano a consumare le "coppette", il brodo di trippa fumante.
La cosa più bella per il passante, o per un bimbo che come me passava di qui, è vedere tutti quei tagli di carne appesi dietro la vetrina e quei pentoloni che luccicano e brontolano mentre al loro interno la materia si trasforma e prende forma uno dei più prelibati piatti della Superba la cui ricetta troverete presto nella pagina de le RICETTE genovesi.

I pentoloni di rame
(foto di Antonio Figari)


19. Pasticceria dei Fratelli Klainguti (Piazza Soziglia n. 98 rosso)


Giuseppe Verdi
(foto da http://it.wikipedia.org/wiki/Giuseppe_Verdi)
Un biglietto firmato da Giuseppe Verdi così recita: "Cari Klainguti, i vostri Falstaff (gustose brioches ancora oggi prelibatezza della bottega) sono migliori del mio!".


Il fogliettino, ancora oggi appeso nel locale, può darci un'idea della più che centenaria storia di Klainguti.
Tutto nacque per caso: nel 1826 i fratelli Klainguti, originari di un paesino vicino a Saint Moritz , Pontresina, giunsero a genova per imbarcarsi per l'America.
L'imbarco venne rinviato e i Klainguti decisero di aprire un piccolo locale in Soziglia dove vendere i dolci della loro terra. 

Pasticceria Fratelli Klainguti, Piazza Soziglia n.98r
(foto da http://genova.mentelocale.it/4691-klainguti)
In poco tempo i genovesi si innamorarono della pasticceria svizzera e Klainguti diventa così uno dei locali più alla moda e frequentati della città.
Oggi, divenuto uno dei Locali storici d'Italia, mantiene ancora gli arredi della belle époque ed e' sicuramente una tappa da non perdere mentre ci si avventura nei vicoli genovesi.









20. Confetteria Pietro Romanengo fu Stefano (Piazza Soziglia n. 74 rosso)

a. La fabbrica

Originariamente collocata a Campetto nel palazzo che fa angolo con Via Orefici, difronte a dove oggi c'è il negozio, oggi essa ha sede in Viale Mojon al civico 1r.
Il 29 novembre 2014 ho rivisitato la fabbrica, dove ero già andato da bimbo, una meraviglia da vedere per gli occhi e per la gola visto che in ogni stanza non sono mancate le degustazioni dei vari prodotti. 
Entrati ci si immerge subito in un turbinio di profumi: macchine antiche macinano il cacao, sapienti operai specializzati aggiungono lo zucchero al cacao affinchè raggiunga la dolcezza giusta; altrove vi sono enormi vasche di frutta lasciata  nello zucchero fino a venire poi tirata fuori e glassata da mani esperte; da una macchina in un'altra stanza esce cioccolato come fosse una fontana che crea un laghetto nel quale vengono immersi i mandarini che, pucciati nel cioccolato, sono una delle cose che preferisco di questa antica bottega; altrove le gocce al rosolio vengono colate con uno strumento fatto a guisa di mano in tanti piccoli buchi nell'amido e, dopo aver riposato una notte intera, sono pronte per essere inscatolate. Una montagna di meringhe in un angolo aspetta di essere unita a coppie dal cioccolato. In un'altra stanza gira un'enorme pentolone dal quale usciranno i confetti. Questa breve descrizione non rende l'idea...
Eccovi le foto:

Cioccolato nella fabbrica della "Pietro Romanengo fu Stefano"
(foto di Antonio Figari)
 
La frutta immersa nelle vasche con acqua e zucchero
(foto di Antonio Figari)
Le scorzette d'arancio immerse in una vasca con acqua e zucchero
(foto di Antonio Figari)


Gli strumenti utilizzati per togliere i semi alla frutta
(foto di Antonio Figari)


La glassa che  cola dalla frutta che si asciuga viene ritirata da apicoltori e diviene ottimo cibo per le api
(foto di Antonio Figari)


La cascata di cioccolato e i mandarini pronti per essere immersi in essa
(foto di Antonio Figari)

Ciliegie sotto spirito
(foto di Antonio Figari)


antichi stampini per barrette e uova
(foto di Antonio Figari)


Macchinari
(foto di Antonio Figari)


Una montagna di meringhe pronta per essere unita a coppie dal cioccolato
(foto di Antonio Figari)


Stampino per le gocce al rosolio
(foto di Antonio Figari)

Vassoi di canestrelli alla mandorla
(foto di Antonio Figari)

Confetti in pentola
(foto di Antonio Figari)


Antica bassina a mano per lavorare i confetti e in alto, appeso, il contenitore da dove cola lo zucchero
(foto di Antonio Figari)

b. Il negozio di Soziglia (Piazza Soziglia n. 74 rosso)
 
La bottega in Soziglia festeggia nel 2014 i duecento anni.
I suoi arredi ottocenteschi proiettano il visitatore indietro nel tempo, in un'atmosfera parigina tra marmi e legni pregiati, eccovi le foto:

La vetrina del negozio in Soziglia della "Pietro Romanengo fu Stefano"
(foto di Antonio Figari)

Gli interni del negozio in Soziglia
(foto di Antonio Figari)

Il bancone in vetro fa vedere le prelibatezze del negozio in Soziglia
(foto di Antonio Figari)

I dolci del negozio in Soziglia
(foto di Antonio Figari)

Il soffitto dipinto del negozio in Soziglia
(foto di Antonio Figari)


Il bel lampadario del negozio in Soziglia
(foto di Antonio Figari)


Romanengo ha anche un punto vendita in Via Roma, aperto negli '30 del Novecento, anch'esso ricco di dolci su antichi scaffali.



21. Pasticceria Liquoreria  Marescotti (Via di Fossatello n. 35 rosso)

La Pasticceria Liquoreria Marescotti
(foto di Antonio Figari)





22. Antica Farmacia Erboristica Sant'Anna (Piazza Sant'Anna n. 8)

Lo splendido roseto del Convento di Sant'Anna
(foto di Antonio Figari)

 

23. Antica Polleria Aresu (Vico Inferiore del Ferro n. 1)


L'Antica Polleria Aresu
(foto di Antonio Figari)


24. Arduino Antiquariato (Via Garibaldi n. 15-17)

(...continua)



25. Bottaro Vetreria Artistica (Piazza delle Scuole Pie n. 3A)


L'ingresso della Vetreria
(foto di Antonio Figari)


La storia della Vetreria Bottaro ha inizio con Edoardo: egli, figlio di Giuseppe, sarto in Genova, viene mandato dal padre, nel 1885, a Parigi per imparare il mestiere. La “Ville Lumiere” affascina molto il giovane Edoardo che rimane per così dire folgorato dalla bellezza delle grandi vetrate delle Chiese parigine e decide che, una volta tornato in Genova, avrebbe aperto una bottega dove lavorare il vetro.


Edoardo Bottaro
(foto di Antonio Figari)


Nasce così, alla fine dell’Ottocento, in Vico Tintori, la Bottega Artigiana del Vetro Bottaro.
Il figlio Enrico, dopo aver compiuto i suoi studi all’Accademia Ligustica delle Belle Arti, continua l’attività del padre e nel 1937 trasferisce l’attività in Piazza delle Scuole Pie, ove tuttora è presente.
La bottega passa al figlio Ermanno che decide di diversificare le lavorazioni del vetro: accanto alla lavorazione artistica vera e propria, si affianca la lavorazione diretta all’industria, all’edilizia e al porto.
Oggi la bottega è in mano ai figli di Ermanno, Marco e Paola, che continuano a portare avanti questo antico e meraviglioso mestiere: una bottega storica dove, con attrezzi antichi e con sapiente manualità, vengono creati veri e propri capolavori d’arte.
La cosa più affascinante sono per me, curioso viaggiatore nei vicoli della Superba, gli antichi strumenti, le sagome con le forme più diverse e naturalmente i vetri che, dopo un sapiente lavoro, assumono i più diversi colori e tonalità, imprigionando la luce e restituendola all’ambiente circostante come fosse un gioco di prestigio.


La carta intestata della bottega quando essa era ancora in Vico dei Tintori
(foto di Antonio Figari)

L'interno della bottega
(foto di Antonio Figari)

Marco Bottaro mostra il risultato di una particolare lavorazione
(foto di Antonio Figari)



Oltre alla bottega al piano strada, in un bell’ambiente voltato, ho avuto il piacere di poter visitare anche il laboratorio che si trova al primo piano sottostrada, dove sono ancora presenti gli antichi macchinari, in quella che fu anticamente la cisterna di questo palazzo.


Gli antichi macchinari di questa bottega
(foto di Antonio Figari)


26. Libreria Bozzi (Via San Siro n. 28 rosso)

(...continua)



27. Libreria Antiquaria Dallai (Piazza de Marini n. 38 rosso)

(...continua)



28. Finollo (Via Roma n. 38 rosso)

(...continua)



29. Argenteria Gismondi (Via Galata n. 78 rosso)

(...continua)



30. Mangini (Piazza Corvetto 3 rosso)

(...continua)



31. Pescetto (Via di Scurreria n. 8 rosso)

(...continua)



32. Pissimbono (Via XXV Aprile 64 rosso)

(...continua)



33. Giovanni Rivara fu Luigi (Piazza San Lorenzo n. 36 rosso)

(...continua)



34. Farmacia Operaia Sormani (Piazza della Raibetta n. 6 rosso)

(...continua)



35. Luigi Stagno Calzature (Largo Sandro Pertini 5)

(...continua)



36. Farmacia Alvigini (Via Francesco Petrarca 14 rosso)

(...continua)



36. Drogheria Viganego (Via Colombo n. 22 rosso)

(...continua)



37. Zuccotti fabbrica di cioccolato (Via di Santa Zita n. 36 rosso)

(...continua)



38. Pasticceria Svizzera Vital Gaspero (Via Albaro n. 5-9)

(...continua)



39. Cremeria Buonafede (Via Luccoli n. 12)

(...continua)



40. La botteghetta magica (Via della Maddalena n. 2)

(...continua)

 
41. Le insegne delle botteghe che furono

Ci sono insegne in giro nei vicoli che sono sopravvissute alla chiusura delle "loro" botteghe.
La storia novecentesca dei vicoli della Superba è infatti tristemente costellata di chiusure di antiche botteghe, resistite al passare dei secoli ma non ai cambiamenti degli ultimi decenni. Spesso la colpa non è da dare solo all'economia che sta cambiando o alla crisi sempre più dura ma al Comune di Genova e chi lo amministra che, oltre a non aiutar in nessun modo i negozianti del centro storico, hanno permesso l'apertura, in pieno centro, come ad esempio sotto Piazza Piccapietra, di ipermercati i quali, oltre a snaturare il rapporto umano negoziante-cliente, hanno logorato irrimediabilmente la rete del commercio al dettaglio dei vicoli, a favore di un'economia che arricchisce grosse società non genovesi. 
In questo paragrafo raccoglierò tutte le insegne delle antiche botteghe, ma anche di antiche istituzioni scomparse, che ho trovato in giro per il centro storico della Superba, silenti testimoni del tempo che fu.


a. Il Banco del Lotto (Via del Campo n. 76 rosso)


Varcata la soglia di Porta dei Vacca, all'inizio di Via del Campo sulla destra, troverete un negozio con le serrande abbassate il quale conserva ancora un'antica lapide marmorea: è il Banco del Lotto un tempo "autorizzato per tutte l'estrazioni del Regno" come recita ancora orgogliosa l'insegna sopravvissuta al tempo e all'oblio.

Se osservate con attenzione, noterete lo stemma sabaudo sbiadito in mezzo alla lastra marmorea e a destra della parola "LOTTO" un numero, 165, che probabilmente identificava la ricevitoria, come accade anche adesso.

Il Banco del Lotto di Via del Campo
(foto di Antonio Figari)



b. Mutua Assistenza Lavoranti in Legno (Vico Vegetti n. 8)
Se percorrete Vico Vegetti, al n. 8 troverete una vecchia insegna arrugginita che recita così:
MUTUA ASSISTENZA
LAVORANTI IN LEGNO
FONDATA NEL 1851
Vi era qui la sede di questa antica istituzione. 
Cosa erano queste società?
Le società di mutuo soccorso o mutua assistenza, presenti a Genova già nell'Ottocento, erano molte e tutte si fondavano su due principi fondamentali: la mutualità e l'assenza dello scopo di lucro.
Alcuni studiosi le pongono nel solco degli antichi "collegia opificum" di età romana o delle corporazioni dei mestieri del Medioevo; in realtà, mentre quest'ultimi esempi hanno come protagonisti e soci delle stesse artigiani e maestri di bottega, le società di mutua assistenza nascono in un periodo in cui le botteghe sono state sostituite dalle fabbriche e i lavoratori iniziano a diventare operai trasferendosi spesso dal mondo rurale alle periferie delle grandi città, estraneandosi dal loro contesto di vita e non trovando condizioni di vita agevoli.
Ed è così che iniziano a nascere le società di mutuo soccorso caratterizzate dalla mutualità, espressa dall'assistenza che veniva data ad ogni associato generalmente  nei casi di malattia od infortunio.
Per creare un fondo comune ogni associato doveva versare alla società un contributo in denaro, una quota annuale che variava da società a società e che era utilizzata solo per gli scopi di assistenza per la quale era stata fondata la società.
Il periodo d'oro di queste società è la metà dell'Ottocento, e a Genova ne troviamo per molti tipi di mestieri. 
Il loro ruolo centrale di difesa dei lavoratori delle varie categorie va scemando da una parte a causa della scomparsa di alcuni tipi di lavori e dall'altra a causa della nascita dei grandi sindacati nazionali. 

Mutua Assistenza Lavoranti in Legno
(foto di Antonio Figari)

c. Latteria (Piazza Sarzano n. 31 rosso)

All'angolo tra Piazza Sarzano e Stradone Sant'Agostino, in un edificio di proprietà della Facoltà di Architettura, oggi abbandonato, c'era una volta una piccola latteria.
Un curioso aneddoto lega questa bottega ad una delle figure più importanti della Superba.
Erano gli anni in cui i vicoli erano ancora pieni di vita e di piccole attività commerciali: un operaio di una fabbrica di dolci, che abitava sulla vicina Montagnola della Marina, decise di prendere in gestione questa latteria. Il lattaio si chiamava Alfredo Bagnasco ed era il papà del nostro Cardinale Angelo.
Oggi sopravvive solo una lapide marmorea sulla saracinesca chiusa.

La latteria di Piazza Sarzano
(foto di Antonio Figari)



d. Issel (via Roma n. 85r)

Giugno 2014: lo storico negozio Issel di Via Roma si arrende alla crisi e chiude i battenti.
Agosto 2014: iniziano i lavori che per un nuovo negozio e vengono smontate le insegne di ISSEL in oro su fondo nero. Come per magia ricompaiono agli occhi dei passanti le antiche insegne di ISSEL (quella di destra ancora leggibile, quella di sinistra molto poco) di quando il negozio agli inizi del Novecento vendeva mobili e arredi per case e navi (come recita orgogliosamente l'antica insegna).
Purtroppo tra qualche tempo l'insegna del nuovo negozio coprirà di nuovo questo antico reperto, ed è per questo che vi invito a correre a vederlo ora!


Le antiche insegne di Issel
(foto di Antonio Figari)


L'insegna  di ISSEL sulla vetrina di destra
(foto di Antonio Figari)



e. Pasticceria G. Zeneise Liquoreria

Questa antica insegna si trova in Via della Maddalena angolo Via ai Quattro Canti di San Francesco: purtroppo la bottega non esiste più e questo cartello è tutto ciò che rimane a ricordare questa antica bottega.

(foto di Antonio Figari)



Le botteghe storiche da raccontare non sono finite...

(...continua)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


25 commenti:

  1. Com'è bella la nostra Genova...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, proprio una città fantastica e tutta da scoprire!

      Elimina
  2. Vogliamo anche dove poter consigliare dove andare a mangiare un ottimo pesto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio "Sa Pesta" in Via Giustiniani (descritto in questa pagina al paragrafo 7): è famoso per la sua buonissima farinata ma anche il pesto ha un suo perché.
      Oppure, se ti va, vai nella pagina de "le RICETTE genovesi" e scopri come prepapar un ottimo pesto con le tue mani!

      Elimina
  3. e caffarena dove l'avete messo?!!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il mitico Ferramenta Caffarena di Via Chiabrera... un giorno ne parlerò!

      Elimina
  4. Quante volte sono passata davanti a quelle vetrine e i loro colori! Le botteghe del centro storico sono davvero l'anima di Genova...attualmente un pò perduta, purtroppo. In ogni caso, alcune resistono, forse imperterrite e orgogliose o forse semplicemente indifferenti all'incombere del cattivo gusto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, queste botteghe sono l'anima dei vicoli di Genova.
      Salvaguardarle significa proteggere e conservare la memoria storica della città: entrare dentro di esse ti catapulta in tempi lontani!

      Elimina
  5. ....merita una menzione anche la Libreria Antiquaria Dallai....in Piazza De Marini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, un giorno ne parlerò sicuramente!

      Elimina
  6. Da genovese non mi ero mai soffermato su questi aspetti della nostra splendida, ma bistrattata, città.
    Ti ringrazio per il tuo ottimo lavoro e spero che lo continuerai.

    Complimenti!!
    claudio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudio! grazie per le tue parole di apprezzamento!
      Non preoccuparti, il mio "lavoro" continua! Genova è una città ricca di tesori nascosti e sono ancora tanti quelli che devo raccontare!

      Elimina
  7. Ciao Antonio per prima cosa ti faccio i miei complimenti.
    Ho trovato il tuo Blog su un gruppo di Facebook e da quel giorno mi leggo tutto quello che hai messo.
    Lavorando in centro storico (Spazzino) ogni vicolo ora lo guardo diversamente grazie a te.
    Continua cosi sei un grande e ti ringrazio questo blog l'ho già detto a un sacco di colleghi.
    Ps Non hai mai pensato di farci un libro.
    Ciao a presto.
    Bruno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Bruno, Ti ringrazio moltissimo per ciò che mi hai scritto. Come dico spesso lo scopo del mio lavoro e far conoscere la bellezza nascosta di Genova affinché ognuno di noi sia più consapevole dei tesori che lo circondano. Sono felice di farTi osservare i nostri vicoli con un occhio diverso e grazie di diffondere tra i tuoi colleghi la conoscenza del mio blog.

      P.s.: per il momento mi limito a scrivere su questo blog ma chissà, in futuro, se qualcuno me lo proporrà, potrei pensare di scrivere un libro sui segreti e la bellezza che Genova nasconde!

      P.s. 2: un grazie speciale a te e ai tuoi colleghi che ogni giorni contribuite alla pulizia e al decoro del centro storico di Genova!

      Elimina
  8. Che spettacolo incredibile.

    RispondiElimina
  9. Forse varrebbe la pena di citare il negozio di argenteria Gismondi (quello in via Galata): casa fondata nel 1763 e (allora) specializzata in oggetti sacri.

    RispondiElimina
  10. Guardiamo il futuro con visuale a 180 gradi, il passato è passato non maciana più. Non si può pretendere di mantenere aperti vecchi negozi solo per nostalgia o ricordi nostalgici, e far pagare la merce ( stessa merce ) il doppio del Supermercato. I negozi storici andavano bene 60 anni fa, ed i miei tanti ricordi li rivedo come in un film, poi il tempo, l'avvento dei Supermecati a superato ogni cosa, tanti han chiuso per insufficenza di incasso, per naturalezza dei tempi, per mancati quadagni che procuravano grandi perdite. I tempi cambiano dobbiamo essere veloci a cambiare noi stessi adeguandoci altrimenti finiremo travolti.

    RispondiElimina
  11. ciao Antonio,

    c'è un'altra friggitoria che è sicuramente un locale storico, anche se non iscritto agli elenchi ufficiali della città.
    E' la friggitoria in sottoripa molto vicina a San Lorenzo, e molto vicino a Gran Ristoro.
    Il nome mi è ignoto, perché non ha nemmeno un'insegna!!!!
    E' vicina al panificio "Il Genovino": si vede in questa immagine di Google?

    Ci lavora una simpatica vecchina, e i prodotti sono tanto buoni quanto economici!

    https://www.google.it/maps/@44.4090596,8.9291051,3a,75y,53.98h,66.52t/data=!3m5!1e1!3m3!1sJYU5TUNIGoKe1_WRObvFlw!2e0!3e5?hl=it

    la conosci?

    Non ne ho trovato traccia da nessuna parte su internet.

    RispondiElimina
  12. Grazie per tutto questo.

    RispondiElimina
  13. come mai non hai parlato della vedova Romanengo?....della principessa Sissi.....della casa reale inglese? sono piccole cose ma quando mi capita di "acchiappare" qualcuno che guarda le vetrine e racconto....sono tutti molto interessati

    RispondiElimina
  14. Ciao tra le botteghe più vecchie di Genova non hai menzionato la Vetreria Bottaro, che a Genova e una delle più vecchie, P.zza Scuole Pie.

    RispondiElimina
  15. Ciao Antonio, ti scrivo qua perchè non ho trovato info di contatto in giro per il sito, probabilmente lo sai, ma le botteghe storiche di Genova sono anche un circuito promosso ufficialmente dalla camera di commercio di Genova che, ultimamente, mi ha chiesto di dedicargli un sito internet. La lista in questo articolo non coincide al 100% con la nostra, magari abbiamo informazioni e materiale che ti interessa, visto il lavoro che è stato fatto nei mesi passati, e magari anche tu hai materiale e informazioni che potremmo scambiarci.

    Insomma, collaboriamo, visto che il nostro obiettivo è comune!

    Ti lascio il link al sito, da cui puoi attingere tutte le informazioni che vuoi, citandone però la fonte ;)

    www.botteghestorichegenova.it/

    Magari ci si può anche incontrare un giorno per un caffè, che ne dici?

    RispondiElimina
  16. Buona sera. Ho letto l'articolo sulla latteria di piazza sarzano e posso dirle che si chiamava latteria Gina. La conosco perché i miei nonni abitavano proprio sopra (tra l'altro un palazzo medievale ricco di storia: pensi che in cucina c'era ancora il focolare risalente al trecento). Ho conosciuto i proprietari che l' hanno gestita fino negli anni 80. E' stata chiusa quando sono iniziati i lavori per l'università e il comune ha dato lo sfratto a tutti, abitanti compresi. Complimenti per le ricerche.

    RispondiElimina
  17. Bellissimo servizio......Grazie......................Giusy

    RispondiElimina
  18. Gran Amarcord, Genova è Bellissima ma tenuta molto male, colpa di coloro che gestiscono la cosa pubblica, ma anche dei suoi abitanti. Non ho mai visto un negoziante pulire il pezzo di strada davanti al suo negozio. I negozi storici, alcuni sono tenuti pessimamente, manca la cultura purtroppo.

    RispondiElimina